Chi è Anna

ilfilodianna

chi è anna? anna la trovi su una foto sfuocata che guarda lontano, ma in realtà sta guardando dentro. e quando fa così, bisogna stare attenti.

sì, perchè, per stare accanto a lei bisogna imparare a camminare sul filo di seta, con circospezione, stando attenti a che non si trasformi in filo da torcere.

ma è così facile tirare i suoi fili! basta sorriderle e vincerai sul filo di lana (o di l’anna, vedi tu): così non potrai più perdere il filo perchè lei sarà lì, accanto a te.

fatti fare il filo da Anna.
Per lei è facile. Ha un punto di partenza: ne ha uno tatuato sull’avambraccio, cucito dalla madre, che da lì parte e arriva al cuore.
lei lo prende, lo tira e lo porta alla testa: diventa, così, il filo dei suoi pensieri.

e lì: un casino. escono ed entrano da occhi e orecchie, si infilano nei riccioli, li respira a pieni polmoni dalle narici, tirano l’anima di qui e di là, giocano tra le rughette dritte della fronte e cadono su quelle a virgola, del sorriso.

“ma, impossibile! non può esistere un insieme di fili, dritti, storti, attorcigliati, punti, virgole e punti di partenza!”

Ma come no? è lei, è anna incoerente nella sua materialità: ti guarda, ti studia e prende il tuo filo. lo attorciglia e te lo mette al collo, leggero, tuo, unico, impalpabilmente palpabile.

affidati fidati fidati affidati

al filo di Anna

One Comment

Comments are closed.